Facciamole alla romana: bietole (surgelate) ripassate in padella.

bietole alla romana

Cito testualmente quanto dice Il Nuovissimo Cucchiaio d’Argento, edizione 1972, pag. 12, in merito ai surgelati.

“Il loro consumo è in continuo aumento. Anche la massaia più tradizionale non è più diffidente: ha imparato a conoscerli e a usarli, ma bisogna dire che li adopera piuttosto di rado e forse non sa ancora trattarli con la dovuta disinvoltura. Per questo abbiamo voluto dedicare anche ai surgelati un capitolo, sia pure breve.”

Questo a testimonianza che già negli anni Settanta si iniziava a comprendere l’estrema praticità del ricorrere ai surgelati, una volta ogni tanto, tant’è che persino il libro dei libri di cucina volle dedicargli un capitoletto apposito.

A distanza di oltre 40 anni, il surgelato è diventato parte integrante di molte ricette veloci veloci e lo scongelamento al microonde è ormai prassi consolidata in moltissime cucine, compresa quella nella quale mi destreggio io, che a differenza della massaia tradizionale di cui sopra, non sono mai stata diffidente nei confronti dei surgelati. Al contrario, come ho avuto modo di raccontare qui e di premettere qua, per molto tempo i surgelati sono stati dei grandi aiutanti in cucina, degli amici quasi insostituibili.

A conferma di ciò e dato che certe abitudini si fa fatica a cambiarle, proprio ora, in questo momento, aprendo il freezer del mio angolo cottura, si possono scovare: una confezione di misto per soffritto surgelato, una pizza margherita pronta da scaldare, tre filetti di salmone norvegese (che intendo nuovamente cucinare al forno con patate e zucchine, seguendo questa ricetta qui), quattro fettine di petto di pollo che ho messo a congelare in confezioni singole per quando sono sola a cena, delle mozzarelline panate, dei cuori di carciofo, dei piselli, del prezzemolo tritato, delle bietole.

Ed è proprio su queste ultime che mi vorrei soffermare: sulle bietole a cubetti. Con loro i tempi di preparazione di qualsiasi ricetta si dimezzano e non sempre si ha il tempo di andare al supermercato o dal fruttivendolo per acquistarle fresche, lavarle, pulirle, tagliarle e metterle a cuocere. Non vi so dire se nel 1972 le bietoline porzionate in pratici cubetti surgelati esistessero già, ma sono certa che anche la massaia più tradizionale, reticente e riluttante non avrebbe avuto alcuna ritrosia nel testarle, almeno una volta.

Oggi ho voluto cucinarle saltandole in padella con aglio e alici, aggiungendo poi dei pomodori a tocchetti. Stando a quanto mi è stato riferito, è così che praticamente si preparano le bietole alla romana.

Ingredienti per 2 persone:

  • 500 g di bietole (corrispondente a 14 cubetti surgelati)
  • uno spicchio d’aglio
  • 2 filetti d’acciuga
  • 2 cucchiai di olio EVO
  • 3 pomodori di media grandezza
  • sale e pepe q.b.

ingredienti bietole alla romana

Procedimento

Secondo quanto riportato sulla confezione, ho fatto cuocere le bietole per 7 minuti in acqua bollente salata.

cottura bietole surgelate

Nel frattempo ho spellato i pomodori e li ho tagliati a cubetti.

pomodori

Una volta cotta, ho scolato la bietola. In una padella ho fatto soffriggere l’aglio nell’olio e l’ho poi tolto dopo circa 5 minuti. A questo punto ho aggiunto le alici schiacciandole con la forchetta in maniera da disfarle. Ho poi unito i pomodori e ho lasciato cuocere per circa 10 minuti a fuoco medio, dopodiché ho aggiunto la bietola. Ho mescolato e ho continuato la cottura per altri 5 minuti.

Ho servito la bietola ben calda, accompagnata a delle uova al tegamino.

bietole 2

pranzo bietole alla romana

 

Giudizio post-pranzo

Un contorno semplice ma di gran gusto. Il sapore è quello di un piatto rustico, sa proprio di cucina della nonna, quella che mi piace tanto. Anche la massaia più tradizionale lo approverebbe.

bietole 1

pranzo bietole alla romana 2

 

Annunci

3 pensieri su “Facciamole alla romana: bietole (surgelate) ripassate in padella.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.